Vincent Van Gogh

Il Post Impressionismo

Alla fine dell'Ottocento opera il geniale Vincent Van Gogh, l'immenso pittore dalla breve e visionaria vita, alla quale decise di porre fine subito dopo aver dipinto lo struggente Campo di grano con volo di corvi nel 1890.

Il genio olandese è noto in tutto il mondo per i suoi ritratti, tra cui ricordiamo Il Dottor Gachet (1890) e l'Autoritratto con orecchio bendato e pipa (1889), nei quali i vivaci colori in contrasto e le pennellate isteriche sprigionano una potenza espressiva ineguagliabile.

Come non citare poi i paesaggi che trasmettono le intense emozioni vissute dal Maestro nei momenti in cui era colto dall'estasi dell'arte.

Nella Notte stellata (1889) il cielo è fatto di spirali, grovigli di colore puro, mentre La pianura della Crau (1888) è una distesa di giallo vivo e pastoso in cui gettarsi alla ricerca della serenità mai raggiunta da Van Gogh.

I colori puri, strizzati direttamente su tela ci raccontano i sogni di un Maestro che ha cercato di rendere il mondo un luogo migliore in cui vivere.

La sola immensa amarezza coincide con il fatto che il pittore de I Girasoli (1888) non abbia beneficiato in vita di un millessimo della fama conquistata dopo la prematura morte...problema comune a molti geni...